IL POETA

IL POETA

Bruno Lauzi


Alla sera al caffè con gli amici

si parlava di donne e motori

si diceva “son gioie e dolori”

lui piangeva e parlava di te

Se si andava in provincia a ballare

si cercava di aver le più belle

lui, lui restava a contare le stelle

sospirava e parlava di te

Alle carte era un vero campione

lo chiamavano “il ras del quartiere”

ma una sera giocando a scopone

perse un punto parlando di te

Ed infine una notte si uccise

per la gran confusione mentale

fu un peccato perché era speciale

proprio come parlava di te

(parlato)

Ora dicono, fosse un poeta

e che sapesse parlare d’amore

Cosa importa se in fondo uno muore

e non può più parlare di te


Note

Una bella canzone di Bruno Lauzi sulla scia dei chansonnier francesi. In una intervista di parecchi anni fa il grande cantautore della scuola genovese parlava proprio di questa canzone come della sua preferita, tra le molte da lui composte. Pubblicata la prima volta nel 1963 in un 45 giri con 4 canzoni. Le altre, tutte di Lauzi, erano Vecchio paese, Menica Menica, La banda.


Musica & Memoria

Annunci

DOLCE PIÙ DOLCE

DOLCE PIÙ DOLCE

(Mario Lusini – Maurizio Piccoli)

*

Vi parlo di un tramonto
immaginatelo un po’ anche voi
speranze a fuoco lento
e tutto mischiatelo con noi
qualche oliva nera avrei
sono gli occhi che ti do’
ti offre il piatto caldo lei
io di piu’
ma e’ troppo tardi ormai
Dolce, piu’ dolce
non e’ il piatto mio che vince
il tuo silenzio taglia
il cuore come falce
io tua ciliegia piu’ non saro’
Ormai che a luci accese
la festa finisce qui per noi
che sere deliziose
ma un po’ di amaro lo prenderei
sai lasciarsi e’ forse il meno
penso al tempo che verra’
spero solo sia sereno
e questo cielo celeste si fara’
Dolce piu’ dolce
non e’ il piatto mio che vince
il tuo silenzio taglia
il cuore come falce
io tua ciliegia piu’ non saro’
Dolce piu’ dolce
fu cosi’ che ho il sole in fronte
e come mi trovai
smarrita tra la gente
e immaginatelo un po’ anche voi.

_______

Brano cantato da NADA 1979

BALLIAMO ANCORA UN PO’

BALLIAMO ANCORA UN PO’

(di Varo Venturi)

*

Lo incontra un venerdì
più fragile che mai
e il traffico sarà
la musica per conoscersi
poi lo trascinerà
per tutta la città finendo dentro a un night
dove tenterà di baciarlo ma…
lui le dice: Balliamo ancora un po’
la notte aspetterà
è possibile che io
ti chieda poi di farmi bere un po’
balliamo ancora un po’
e facciamo geometrie
è possibile che io
ti chieda poi di portarmi via

E lei lo porterà ah ah ah
di corsa in un taxi ah ah ah
e chiusi in casa sua
l’amore poi ballerà pallido
spiandoli
ah ah ah
ah ah ah

Balliamo ancora un po’
la notte aspetterà
è possibile che io
ti chieda poi di farmi bere un po’
balliamo ancora un po’
e facciamo geometrie
è possibile che io
ti chieda poi di portarmi via

E lei lo porterà ah ah ah
di corsa in un taxi ah ah ah
e chiusi in casa sua
l’amore poi ballerà pallido
spiandoli
ah ah ah
ah ah ah


Canzone di NADA

SE TU RAGAZZO MIO

SE TU RAGAZZO MIO

(di Vittorio Ferri e Gabriella Ferri – Pintucci)


Se tu ragazzo mio
ti senti triste e solo
la vita non aspetta
passa e se ne va’
se prendi la mia mano
insieme correremo
verso il nostro mondo
l’amore nascera’.
i fiori sono alti
il cielo vedi e’ azzurro
la gente per le strade
mi sorride come te
rivedo il tuo sorriso
e’ nato il nostro mondo
non essere piu’ triste
sei vicino a me.

sta cambiando il mondo anche per te
l’amore sta nascendo dentro me
la vita ti sorride accanto a me
oh vedrai, yeah vedrai

sta cambiando il mondo anche per te
l’amore sta nascendo dentro me
la vita ti sorride accanto a me
oh vedrai, yeah vedrai

guarda il sole d’oro
illumina il tuo viso
il mondo ha gia’ capito
quanto amore c’e’ in te
adesso che sei solo
un sogno si e’ avverato
stringimi la mano
sei vicino a me.

sta cambiando il mondo anche per te
l’amore sta nascendo dentro me
la vita ti sorride accanto a me
oh vedrai, yeah vedrai

sta cambiando il mondo anche per te
l’amore sta nascendo dentro me
la vita ti sorride accanto a me
oh vedrai, yeah vedrai

sta cambiando il mondo anche per te
l’amore sta nascendo dentro me
la vita ti sorride accanto a me
oh vedrai, yeah vedrai.


Festival di Sanremo 1969


Wikitesti.com

PRINCIPESSA DI TURNO 

Disponibile sì 

dammi un segno anche tu 

la candela non può 

stare accesa di più 

La mia bocca e fragrante 

ma da sola non può 

rapirti un istante 

se la tua dice no 

Sul mio trono c’è lei 

principessa di turno 

il mio corpo oramaiCol pudore lei può 

far miracoli e intanto 

io sto morendo di più. 

La tua corda è tesa 

e gli occhi cantano 

non dire no 

da quello che ne so 

lassù gli amanti sognano 

su di te, confessa, 

le sue mani bruciano 

la tua fede sta 

nel dolce amore 

di chi dorme più vicino 

chi sarà chi sarà. 

Soffocarmi non puoi 

il mio canto rinasce in me

certo devo andar via 

mentre gli occhi si velano 

come stella filante 

affoga nel blu 

scendo lenta ad oriente 

ma in alto muori anche tu 

——————————————————

PRINCIPESSA DI TURNO
(B. Tavernese M. Piccoli )
Canzone di Mia Martini

SIGNORINA 

———————-

Balla sopra il mare signorina
che un uomo come questo tu non lo
trovi più i sogni quando è l’alba
vanno sempre via meglio se si è in
compagnia.
Perché ci puoi restare molto male
com’è difficile tirarsi su se dentro
poi si muovono le ombre
di certi errori fatti in gioventù.
E allora balla sulle onde, signorina
ne hai già passati così tanti
che tutto sembra tutto uguale
stessa fretta dentro il cuore
stessa rabbia stesse idee future
ma stavolta si è la volta buona
hai la testa aperta che funziona
dentro poi ci volano colombe
e si avvicinano due ciglia bionde.
E si apre l’infinito e vacci dentro su
che questa sera ci sei ma che ti
importa di noi restiamo qui sul
muretto con la gioia nel petto
e poi quell’infinto ce lo racconti tu
fa sempre effetto lo sai sentire
come tira il vento lassù, lassù.
Anch’io ballavo bene signorina
e proprio insieme a quello che
adesso stringi tu.
Lo so che la mia stella è caduta
lontano mentre tu gli cadi sulla
mano e sulla bocca come morde il
presente l’ho già sentito il cielo
come suona se dentro il cuore
volano colombe e si avvicinano
due ciglia bionde.
E si apre l’infinito ma ci vai dentro
tu e vai più forte che mai che te ne
frega di noi restiamo in sala
d’aspetto con in bocca il biglietto e
poi per l’infinito ormai chi parte
più fa sempre effetto lo sai sentire
come tira il vento lassù, lassù,

lassù….


———————
(Maurizio Piccoli)

——————-


Canzone di Mia Martini INEDITA



Contenuto nell’nell’album Altro che Cielo 

——–

VOLESSE IL CIELO 

Volesse il cielo

(V. De Moraes – S. Bardotti)


Volesse il cielo che passato il
vento non tornasse il canto che non
finirà ed ascoltando si piangesse
tanto che nel mondo il pianto non
tornasse mai.
Volesse il cielo che nascesse
l’angelo della passione che la vita
da.
Volesse il cielo che ci fosse luce,

volesse il cielo che ci fosse pace, 

Ah se la gente fosse differente e
cantasse sempre canti tutti suoi
potere andare nudi a due a due
e cantare sempre tutto quel che
vuoi.
Volesse il cielo che la vita fosse
una bellezza che non sa cos’è.
Volesse il cielo d’essere fratello
sempre accanto a me.

—————————————